Italia: il futuro dell’hotellerie

Al Bit di Milano sono state approfondite le tendenze di crescita del sistema hotellerie. Nei prossimi anni sono previsti importanti investimenti in Italia per migliorare la ricettività alberghiera.

Quali sono le prospettive di crescita della catene alberghiere? Se ne è discusso ampiamente all’ultima edizione del Bit di Milano durante l’incontro “Catene alberghiere made in Italy: risultati e prospettive per il 2020”. In occasione dell’evento organizzato da Confindustria Alberghi, la società Horwarth ha presentato la sesta edizione del report “Hotels & Chains”.

In Italia domanda e offerta sono in forte crescita. Le strutture ricettive sono 32.988 per un totale di quasi 1 milione di camere. Eppure non è ancora sufficiente per soddisfare la domanda dei viaggiatori. Un dato importante da tenere in considerazione “se si pensa che, a livello mondiale nel 2019, – ha detto Giorgio Palmucci, presidente di Confindustria Alberghi e neo presidente Enit – i turisti sfioreranno il miliardo e mezzo”.

E secondo Furio Gianforme, Travel industry head di Google Italia, l’Italia è la prima destinazione per ricerca hotel nel motore web.

Ma quale ruolo giocano le catene alberghiere? Innalzano indubbiamente il livello medio dell’offerta e riescono a “compattare” il settore frammentato in piccole strutture, spesso a carattere familiare. In Francia rappresentano il 21% del totale, in Spagna il 33%, ma in Italia raggiungono solo il 4%. Nei prossimi anni sono previsti ingenti investimenti nel nostro Paese. Alla luce di uno sviluppo che si orienterà soprattutto verso alberghi a 4 stelle, con attività importanti nel rebranding e nella riqualificazione.

Nel complesso, le catene alberghiere raggiungono quasi 1 miliardo di fatturato: una cifra non entusiasmante se confrontata con i leader internazionali. Ma va aggiunto che la crescita dei gruppi made in Italy, dal 2013 ad oggi, è stata molto più veloce: 28% contro 8% delle catene estere.

In questo trend anche il tema ambientale sembra riconfermarsi come centrale per determinare il livello di qualità e innovazione delle strutture.

 

Di Clarissa Marchese

2019-02-15T15:17:58+00:00
NEWSLETTER
Iscriviti alla newsletter per rimanere sempre aggiornato sui nostri eventi